Bologna si porta a casa un derby dai due volti, a Pieve finisce 9-36

Bologna si porta a casa un derby dai due volti, a Pieve finisce 9-36
Serie B

40 minuti da applausi e 40 di sofferenza e fatica. Questo il riassunto della domenica di derby per il Pieve, che però non può che ripartire dall’enorme sostegno e affetto ricevuto dalle 500 persone presenti sugli spalti, per il ritorno in serie B dopo 15 anni di assenza.

I primi minuti sono da sogno per Pieve, che con placcaggi duri e precisi e salite difensive rapidissime toglie fiato e lucidità agli attacchi bolognesi, risale il campo e appena ottiene opportunità per fare punti, sceglie il macinato: due calci di Rosso e si va sul 6-0. Alla prima disattenzione però, Bologna passa: lo stesso estremo sbaglia un placcaggio fondamentale e libera l’out per la corsa in bandierina di Bertini. La partita si mantiene equilibrata e combattuta; Bologna ha la meglio sul puro peso e sul gioco al largo, ma Pieve soffoca ogni iniziativa degli ospiti aumentando i giri della foga difensiva, con tanti turnover forzati e palloni recuperati. Il XV di casa si conquista così altri 2 calci piazzabili, ma sull’unico errore al piede di giornata qualcosa forse si spezza negli equilibri del match. Bologna risale il campo, finalmente con pazienza, si affida ai suoi uomini più carismatici come Esteki e Balsemin, ed è proprio l’atleta originario di Pieve a marcare la meta che di fatto spacca il match. Nella stessa azione, dopo la marcatura, Pieve subisce anche un giallo che costringe i padroni di casa a giocare i primi 10′ della ripresa in 14. Bologna a questo punto diventa cinica e sfrutta i primi due attacchi della ripresa per chiudere il match, con le mete di Pancaldi e Priola. Nel finale il divario si allarga ancora, con le ultime due mete bolognesi, e Pieve ha anche un qualcosa da recriminare, con 2 azioni che sfumano a un passo dalla meta anche per una difesa bolognese estremamente aggressiva che ci tiene a mantenere di fatto inviolata la propria area di meta.

E’ stata un’altra domenica “di lezione” per il Pieve, che però, a differenza della prima giornata, ha tenuto aperto il confronto con una delle favorite alla promozione per 50 minuti, dimostrando grande competenza in difesa finchè il fiato ha tenuto. Domenica 22, nel match con Jesi, arriverà probabilmente la prima grande occasione per portare a casa l’atteso primo successo in serie B.

Rugby Pieve 1971-Bologna Rugby Club 9-36 (9-12)

Pieve: Rosso S., Mandrioli (62′ Aleotti), Tassinari D., Fabbri, Ciffolillo (51′ Marzocchi), Govoni, Accorsi (71′ Rosso G.), Taddia (12′ Pondrelli), Tassinari G, Serra, Barletta (60′ Gambacorta), Lombardi (c), Levorato, Pritoni (57′ Cassani), Lindelli (70’Sgallari)

Bologna: Quadri, Bertini, Teresi, Bernabò (40′ Giacalone), Zambrella, Pancaldi (75′ Rizzoli), Esteki, Balsemin (c), Schiavone, Ruggeri (44′ De Napoli), Priola, Cesari (62′ Gambacorta F), Fiume (45′ Simonini), Anteghini (62′ Biondi), Lanzano (70′ Vilasi)

Marcatori: 2′, 8′ cp Rosso, 13′ m.Bertini, 16’cp.Rosso, 41′ m.Balsemin tr.Bernabò, 48’m.Pancaldi tr.Giacalone, 53’m.Priola, 63’m.Esteki tr.Giacalone, 73’m.Pancaldi.

Note: 41’giallo Pritoni