Romagna domina su un Pieve in emergenza

Romagna domina su un Pieve in emergenza
Serie B

Un Pieve a tratti eroico, a tratti solido, a tratti semplicemente inerme non basta a contenere le ondate del Romagna primo in classifica e dominatore del campionato: allo Sgorbati finisce 3-62 e per quanto visto in campo, il risultato è quello giusto.

La prima azione del match è esemplificativa di quello che succederà lungo tutti gli 80 minuti: sventagliate da destra a sinistra e ritorno per i galletti ospiti, con Pieve che mette una pezza come e dove può: sulle prime fasi la resistenza è eroica, e Pieve mette insieme fasi e placcaggi per 20′ abbastanza equilibrati, dove si segna anche un calcio piazzato con Rosso e si sfiora la meta in due circostanze, con le galoppate di Aleotti e Tanzilli fermate da un’imprecisione sull’ultimo passaggio. Pian piano però il ritmo dei romagnoli si fa soffocante, e i giallorossi spuntano da tutte le parti; a cavallo del 30′ le marcature che spaccano la partita, con il solito Sergi e l’ispirato triangolo allargato ospite che fanno la differenza. A fare da corollario a questa apnea in campo aperto ci sono anche le croniche difficoltà pievesi nelle fasi statiche, che le assenze pesanti dei vari Lindelli, Preda, Taddia, Cocchiarella e Levorato (almeno nei primi 40′) di certo non aiutano a sistemare. A fine primo tempo spazio alla panchina, con cambi obbligati (Pritoni e Rosso S. per infortunio) e altri per dare minuti a giocatori fin qui poco impiegati (esordio in B per Negrini e Poletti), con 15 minuti orgogliosi, in cui Pieve mette di nuovo paura ai romagnoli, sfiorando ancora la segnatura meritata in un paio di occasioni; ma poi cala il sipario sul match, il Romagna è implacabile, sfrutta ogni mismatch fisico, tattico ed atletico e marca ad ogni occasione: esemplare l’ultima segnatura degli ospiti, costruita oltre l’80’ a partire da una touche sui propri 22, Romagna avanza con pazienza, costruendo una tela magnifica da oltre 10 fasi, fino a depositare l’ovale in meta con Martinelli.

Sconfitta dura per Pieve, che ora ha due settimane per leccarsi le ferite e ripartire, da un altro match complicato, in trasferta sul campo del Bologna, secondo in classifica.

Rugby Pieve 1971-Romagna RFC 3-62 (3-31)

Rugby Pieve 1971: Minarelli (60′ Poletti), Tanzilli, Aleotti, Fabbri (40′ Negrini), Marzocchi, Rosso Simone (44′ Zerbini), Rosso Giovanni (40’Accorsi), Pondrelli, Serra, Mandrioli, Lombardi, Gambacorta (40′ Tassinari G.) , Mulè (40’Piunti) , Pritoni (40′ Levorato), Cassani.  All: Balboni

Romagna RFC: Giannuli, Di Franco, Di Lena (7’ st Greene), Vincic, Tauro, Sergi (15’ st Martinelli), Burioli (7’ st Perju), Maroncelli, Zani (15’ st Lamptey), Marini, Maiga, Sgarzi, Mazzone (15’ st Scermino), Sparaventi (20’ st D’Agostino), Fantini (20’ st Pirini). All: Askew

Marcatori: 7’ m Mazzone nt (0-5), 12’ cp Rosso S (3-5), 16’ m Zani tr Sergi (3-12), 24’ m Maroncelli tr Sergi (3-19), 29’ m Tauro tr Sergi (3-26), 34’ m Sergi nt:;46’ m Giannuli tr Sergi (3-38), 59’ m Martinelli tr Giannuli (3-45), 64’ m Tauro nt (3-50), 68’ m Di Franco nt (3-55), 83’ m Martinelli tr Giannuli