San Benedetto porta solo rimpianti: Pieve cede all’ultima curva

San Benedetto porta solo rimpianti: Pieve cede all’ultima curva
News, Serie B

Non basta una bella prova alla giovanissima formazione pievese per strappare la vittoria a San Benedetto del Tronto. I padroni di casa si dimostrano squadra ruvida, coriacea e veloce, e nei minuti finali di partita completano la rimonta che lascia agli ospiti biancoblu solo un grande amaro in bocca
Il primo tempo nella Marche è la miglior frazione di rugby giocata da Pieve in stagione: le fasi di conquista tengono botta contro un pack decisamente più pesante ed esperto, mentre i tre quarti fanno la voce grossa, mantenendo bene il possesso ed allontanando i pericoli con un gioco al piede potente e preciso. Di conseguenza fioccano le azioni offensive, con due piazzati tentati da Govoni (1/2 centrati) e la bella meta di Aleotti su penetrazione abrasiva di Giona Tassinari; non paghi i ragazzi pievesi continuano a spingere, guadagnando prima un altro calcio piazzabile e poi la seconda bellissima meta di Marchesini, che finalizza un bel movimento offensivo con una galoppata in mezzo ai pali. Dopo mezzora in balia degli ospiti, i padroni di casa rientrano di colpo in partita, accumulano cariche coi propri uomini pesanti, e un metro alla volta si avvicinano alla meta pievese, con Palavezzati che corona gli sforzi dei compagni con la meta che riapre i giochi sul 7-17. Nel secondo tempo il match si mantiene bello ed equilibrato, ma pian piano i marchigiani prendono campo e riducono esponenzialmente i tentativi al largo, affidandosi sempre più spesso al peso ed all’esperienza dei loro uomini più rappresentativi: dopo diverse cariche vicino alla linea è Vaccari a trovare il varco giusto e siglare la seconda meta. Pieve fatica a contenere fisicamente i padroni di casa in questo secondo tempo ma riesce a mantenersi in rotta di galleggiamento, centrando 3 punti preziosi col piede di Rosso e mantenendo una buona porzione di territorio. Nel finale però, emeerge anche la stanchezza e un cedimento delle fasi statiche (fin lì molto solide) permette a San Benedetto di portarsi prima in vantaggio e poi di fissare il punteggio sul 24-20 con un ulteriore calcio di punizione. Gli ultimi assalti sono in mano al Pieve, che tenta con le ultime forze di segnare la meta che varrebbe il controsorpasso, ma la difesa dei padroni di casa è attenta e i biancoblu non riescono a sfondare.
E’ comunque un punto che permette a Pieve di muovere la classifica e di mantenersi al sesto posto in graduatoria. Focus ora sul complicatissimo match casalingo con Modena, che è reduce da una netta vittoria contro Jesi.
Unione Rugby San Benedetto-Rugby Pieve 1971 24-20 (7-17)

Unione: Castelletti, Fulvi, Palavezzati, Scipioni, Fioretti, Di Bartolomeo, Genovese, Alemanno, Paoloni, Gianfreda, Del Prete (c), Valentini, Di Marcantonio, Pellei, Russo. A disposizione: Tallè, Muratore, Laabbar, Coppa, Alesiani, Celani, Vaccari.

Pieve: Tassinari D., Marchesini (75′ Marzocchi), Aleotti, Govoni (60′-70′ Marzocchi), Tanzilli (65′ Ciffolillo), Rosso S., Accorsi (75′ Rosso G.), Taddia, Tassinari G., Pondrelli (55′ Serra), Lombardi (c), Gambacorta, Mulè (78′ Rosa), Cassani (75′ Pritoni), Levorato.

Marcatori: 16′ m. Aleotti tr.Govoni, 22′ c.p.Govoni, 30′ m.Marchesini tr.Rosso S., 42’m.Palavezzati tr.Di Bartolomeo, 54′ m.Vaccari tr.Di Bartolomeo, 58′ cp Rosso S., 74′ m.Alemanno tr.Di Bartolomeo, 78’cp Di Bartolomeo.

Note: 24′ giallo Del Prete